Rating e lavoro: per non imbarcarsi in una nave che sta affondando

Rating e lavoro: per non imbarcarsi in una nave che sta affondando

State cercando un nuovo lavoro o state valutando se lasciare la vostra azienda?
Nel momento in cui si fanno queste scelte è bene essere attrezzati ed essere informati in modo puntuale sul nostro futuro datore di lavoro.
Nell’era di Internet siamo bombardati da milioni di informazioni che ci dovrebbero aiutare a farci un’idea di un’azienda: si guardano i siti aziendali, si leggono le notizie che circolano su canali più o meno ufficiali e si scrollano le pagine dei social network; per non parlare poi dell’intramontabile passaparola, sentire cosa dicono clienti, fornitori e dipendenti è sempre essenziale.
Spendere qualche minuto in ricerche online permette già di capire se una nuova opportunità possa essere quella giusta oppure no...però la maggior parte delle informazioni sono qualitative o frutto di opinioni soggettive!
C’è bisogno di elementi quantitativi e oggettivi, e di un quadro completo e puntuale sullo stato di salute di un’azienda che solo una lettura di dati di bilancio e una loro interpretazione possono fornire.

Il rating di ratingstore.it può supportarvi fornendo un check-up completo sullo stato di salute di un’azienda comprensibile anche per chi non abbia una laurea in economia o comunque non sia abituato a leggere i bilanci aziendali.

Il rating aziendale, non è nient’altro che una valutazione sull’affidabilità creditizia e sullo stato di salute complessivo di un’azienda.
Di solito viene usato per capire l’affidabilità dei propri clienti, partner e fornitori, ma può diventare un valido strumento anche per accompagnare i cambiamenti nei percorsi di carriera. Infatti la lettura di un report di rating con bilancio integrato permette a qualsiasi lavoratore di capire:

  • il grado di salute e la competitività dell’azienda rispetto al settore di appartenenza nel presente e negli anni precedenti;

  • se l’azienda è in grado di generare margini per coprire i propri costi operativi tra cui i costi del personale;

  • se l’azienda si sta espandendo e se sta facendo investimenti;

  • se l’azienda è in grado di generare flussi di cassa e di ripagare i propri creditori;

  • se l’azienda ha avuto eventi negativi (protesti pregiudizievoli o procedure, e qual è la probabilità che questa fallisca.

Vediamo insieme dove concretamente trovare queste informazioni utili nelle diverse sezioni del report di rating:

  • In questa sezione, dedicata al rating complessivo, si può vedere come questa azienda risulti complessivamente equilibrata, non presenti rischi di insolvenza e riesca a generare flussi di cassa e margini sui costi operativi. In sostanza, possiamo considerarla un’azienda sana.
    La voce di fatturato è molto importante per farti un’idea della dimensione aziendale.

BBB.jpg
  • Guardando invece il grafico relativo alla distribuzione del rating all’interno del settore di appartenenza puoi capire come l’azienda si collochi rispetto ai concorrenti.
    In questo caso l’azienda rientra nella media del settore.

  • Mentre, una visione più approfondita viene fornita dai prospetti di bilancio dove possiamo vedere come, ad esempio, a fronte di un volume di vendite stabile l’azienda abbia aumentato progressivamente la spesa relativa a stipendi e salari, quindi al personale.

Dare uno sguardo al presente e al passato di un’azienda può essere utile per capirne il futuro. Guardare al grado di equilibrio economico-finanziario-patrimoniale aiuta quindi a comprenderne i rischi e le eventuali situazioni patologiche presenti.
Di sicuro entrano in gioco sempre altri fattori contingenti ma il rating aziendale integrato con informazioni di bilancio è uno degli strumenti più efficaci per fare delle valutazioni oggettive.

Per capire come leggere un report di rating clicca qui!